GITE OTTOBRE

7 ottobre domenica
Val di Fiemme Passo Oclini – Corno Nero

Partenza: ore 6.00 da Piazzale Alì a Montecchio Maggiore
Accesso: A22 uscita Egna/Ora, Cavalese, Passo Lavazè,
Passo Oclini
Quota DI PARTENZA: 1989m (Passo Oclini)
Quota massima: 2439m (Corno Nero)
Rientro previsto: per le ore 22.00 circa
Iscrizioni: da martedì 25 settembre a venerdì 5 ottobre
Descrizione: Dal Passo Oclini saliamo il sentiero SAT 582 verso la vetta del Corno Nero con vista panoramica sul passo stesso e sulla cima del Corno Bianco. Alla vetta ci salutano una Madonnina e la croce e ci possiamo godere la vista a 360°, sia sul versante di Fiemme con l’intera catena del Lagorai sullo sfondo, sia su quello di Obereggen e Nova Levante, col vicino Latemar, sul Gruppo del Catinaccio e sullo Sciliar. Scendiamo poi per i sentieri SAT 502 e 4 per tornare al Passo Oclini. Terminiamo la nostra gita in rosa con la tradizionale cena in una trattoria trentina o altoatesina.

21 ottobre domenica
Col VisentiN Col Visentin – Nevegal

Partenza: ore 7.00 da Piazzale Alì a Montecchio Maggiore
Accesso: A4, A27
Quota di partenza: 1.050 m
Quota massima: 1.763 m
Rientro previsto: per ore 18.00 circa
Iscrizioni: da martedì 9 a venerdì 19 ottobre
Descrizione: Il Nevegal è la montagna di Belluno, in grado di riservare piacevoli sorprese inclusi gli inusitati e ampi panorami che spaziano dalla laguna Veneta alle vette Dolomitiche. Una volta raggiunto il colle del Nevegal e lasciata l’auto, si comincia la salita seguendo il sentiero CAI n° 1 che ci porta al ristoro la Grava da qui si prosegue per il sentiero CAi n° 6 fino a malga col Toront per poi arrivare al rifugio V artiglieria Alpina e alla cima del Col Visentin. Vale le pena di ricordare che il rifugio V Artiglieria Alpina è famoso per le specialità della cucina bellunese: il conicio (coniglio) arrosto e la pastizada de mus (spezzatino di asino).
Il Col Visentin è uno dei punti più panoramici del Bellunese, da qui infatti si gode di un’ampio panorama sulla Val Belluna, mentre nelle giornate più limpide si può scorgere la guglia del campanile di S. Marco. La discesa avverà lungo il sentiero CAI n° 3 fino al Col Toront per prendere il sentiero CAI n° 2 che ci porta al punto di partenza.